Kit trasformazione E-bike

Pubblicato il 12/09/2017

Oggi parleremo dei kit di trasformazione da bici muscolare in E-bike, sempre più frequenti sulle nostre strade, le bici a pedalata assistita hanno modificato il modo di vivere la bicicletta, avvicinando persone che magari per poca voglia o per poco tempo a disposizione non sfruttavano la loro bici se non per piccolissimi spostamenti cittadini. Hanno fatto si che anche il neofita potesse godere di un bellissimo tour in all mountain ammirando paesaggi, percorrendo sentieri che fino a poco tempo fa avrebbe potuto vedere solo su alcuni video o foto. Insomma un mondo nuovo, uno stile nuovo mantenendo però sempre il gusto della pedalata, perchè sempre di bici stiamo parlando quindi, anche se con poca fatica e tanto divertimento, si deve sempre pedalare! 

Vediamo ora nel dettaglio da cosa si compone e come funziona un kit per trasformare la vostra "muscolare" in una moderna E-bike.

Se avete a disposizione una bici come questa:

ma vorreste avere una E-bike per poter affrontare le salite più impegnative o i sentieri di montagna più impervi, la soluzione per voi è questa:

Kit per trasformazione E-bike, applicabile su quasi tutte le bici muscolari, vi garantirà delle prestazioni eccellenti ed una autonomia molto elevata.

Il kit è composto da un motore brushless (senza spazzole), da una batteria agli ioni di litio, da un unità di comando/trip computer e da una serie di accessori: sensori, pedivelle, staffe di fissaggio cablaggi etc.

Il motore:

Tecnologia brushless,sensore di coppia integrato, dimensioni compatte e peso ridotto fanno di questo motore un riferimento per i kit di trasformazione.

Con una potenza di 250w (limite della normativa italiana) è in grado di supportare le salite più estreme senza compromettere la naturalezza della pedalata. Molto buona la pedalata a motore in OFF, con attriti meccanici ridotti al minimo.

La batteria:

Vero cuore pulsante di questo sistema, fornisce l'energia necessaria al funzionamento del sistema. Fabbricata in Italia con celle agli ioni di litio Samsung, ha una capacità di 630wh, sufficienti per garantire elevate percorrenze che possono arrivare anche a 150km. 

Oltre a quella nella foto usata per questa trasformazione vi sono altri modelli di batterie in modo da poterle installare anche su telai con forme diverse e molto più sacrificate. 

vi è inoltre un modello applicabile nel sottosella, con un'autonomia sicuramente più ridotta ma molto più pratica e leggera adatta per gli spostamenti cittadini casa-lavoro-casa o per le piccole gite fuoriporta. Garantisce comunque un'autonomia di 40/50 km.

La centralina/trip computer:

Display race, piccolo pratico e leggero, le sue dimensioni ridotte riducono di molto il pericolo di rottura in caso di caduta. 

nel Display vengono visualizzate le informazioni sullo stato di carica della batteria, livello di assistenza scelto, velocità di percorrenza, contakm parziale e totale. 

Vi è inoltre la possibilità di attivare la funzione 6kmh, tale funzione risulta utile in caso si debba spingere la bici in salita, poichè consente (mantenendo premuto un pulsante della centralina) di attivare il motore fino a 6kmh senza dover pedalare.

Esistono comunque diverse tipologie di display, anche con schermo lcd 5" per garantire una perfetta visibilità in condizioni critiche.

Terminata l'installazione del kit e dopo aver eseguito un accurato check up della bici, procedo al test drive.

Innanzi tutto l'aspetto visivo: in questo modello salta subito all'occhio la grande batteria, in quanto questa unità dispone di 630wh poiché il proprietario effettua di frequente dei grandi tour di all mountain con dislivelli positivi molto importanti, ha quindi bisogno  di una grande riserva di energia per non dover spingere (almeno in salita).

Passiamo ora al test vero e proprio.

Parto con il sistema spento in modo da testare subito la pedalata "muscolare" che risulta immediatamente molto naturale e quasi non si avverte il lieve trascinamento meccanico del sistema. accendendo il motore si nota già un buon aiuto al primo livello di assistenza, livello che se mantenuto garantisce notevoli km di autonomia anche in presenza di elevati dislivelli positivi.

Aumentando il livello di assistenza si apprende appieno la notevole potenza e coppia del motore, la pedalata si fa sempre più leggera e la velocità aumenta vigorosamente, in un istante si raggiungono i 25kmh imposti dal codice della strada.

Ma la parte più interessante e sopratutto divertente arriva in salita, ovvero il divertimento aumenta con l'aumentare del dislivello. 

Anche sulle salite sterrate e sconnesse non vi è alcun problema, la motricità è ottima e, con una giusta scelta di rapporti si ovvia facilmente alle piccole perdite di aderenza che possono avvenire in mezzo a pietre e radici che di solito "spezzano" un po la pedalate degli utenti non molto allenati.

Nei tratti in discesa e nei sentieri di single track la bici mantiene un buon equilibrio ed un ottima maneggevolezza, tutto questo grazie al posizionamento centrale e basso del gruppo motore e batteria.

Con la modalità turbo i single track diventano divertimento allo stato puro, i rilanci in uscita di curva sono quasi da moto e le salite sconnesse diventano divertenti quanto le discese.

Tutto questo è reso possibile dalla gestione elettronica che sfrutta 2 sensori: velocità ruota e coppia impressa sul pedale (torque technology). La centralina in base a questi parametri ed al livello di assistenza selezionato, decide quanta potenza fornire con il motore, tutto ciò avviene in tempo reale cosicché il rider non noti le piccole variazioni di assistenza. 

Insomma nulla da invidiare alle grandi E-bike ma con un prezzo di acquisto sicuramente molto interessante.

Dunque rimane solo più testare questo "giocattolo" tecnologico, quindi vi aspettiamo in negozio per farvi vedere come potete trasformare la vostra MTB, city bike, gravel, trekking, pieghevole........

E per i più curiosi organizzeremo un mini tour di circa 4 ore per testare al meglio questa soluzione alternativa. 

Categorie blog